NON DESIDERARE

By Michele Seccia
Pubblicato il 2 Febbraio 2020

Caro amico/a, gli ultimi due comandamenti richiamano l’attenzione a una particolare dimensione dell’esperienza umana: la facoltà del desiderare. Perché gli ultimi due comandamenti pongono un limite preciso al desiderio della persona, quando tutta la nostra esistenza è caratterizzata fortemente da un anelito intimo che ci spinge a perseguire tutto ciò che crediamo essere importante per il nostro vivere? Basta pensare alle aspirazioni personali, alle finalità che ognuno intende perseguire per realizzare sogni, progetti, o per conseguire obiettivi considerati importanti per se stessi e/o per la propria affermazione sociale? Certamente non per bloccare la maturazione della persona, quanto piuttosto per indirizzarla […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.