SENZA LA MEMORIA IL NAZIONALISMO DILAGA

By ferruccio de bortoli
Pubblicato il 1 Maggio 2024

La prima presidente del Parlamento europeo, eletta a suffragio universale nel 1979, fu Simone Veil. Magistrata e politica francese, era stata deportata ad Auschwitz con tutta la sua famiglia. All’epoca era un po’ più grande di Liliana Segre che ebbe, come sappiamo, un destino simile. La giovane Simone aveva appena fatto la maturità. Nei campi di sterminio nazista perse i genitori e un fratello. La sua nomina ebbe uno straordinario valore simbolico. Lei ebrea venne chiamata a presiedere l’assemblea di Strasburgo in quell’Alsazia, terra di confine storicamente contesa, luogo insanguinato di infiniti contrasti tra Francia e Germania. Veil sostituì il […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.