DANTE: NELL’URBINATE SI DECISE IL SUO ESILIO

By Piergiorgio Severini
Pubblicato il 17 Maggio 2021

Per i settecento anni dalla morte anche le Marche ricorderanno la figura e l’opera di Dante Alighieri, quasi a discolparsi del ruolo nefasto che, inconsapevolmente, ebbero nella sua vita. Il 4 ottobre 1301, infatti, nella torre del Castello della Pieve, caratteristico borgo medievale con case costruite in fila indiana e in pietra scura, posto a 2 km dalla strada principale che unisce Mercatello sul Metauro a Borgo Pace, nell’urbinate, venne deciso il suo esilio da Firenze tra Carlo di Valois e Corso Donati. La fortificazione, realizzata in area di confine con la Toscana e l’Umbria, era posta a guardia della […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.