L’ALIMENTAZIONE GIUSTA PER COMBATTERE IL CALDO

By Marina Tosi
Pubblicato il 2 Luglio 2013

• Rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti.

• Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e yogurt, senza tralasciare la frutta secca, ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre, ma senza esagerare, perché ricca di calorie.

• Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nel colore, che è dato dalle sostanze ad azione antiossidante.

• Moderare il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi.

• Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi in acqua e completare il pasto con la frutta.

• Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata.

• Evitare pasti completi con primo, secondo e contorno quando, durante soggiorni in albergo o in viaggio, è più facile che si consumi al ristorante sia il pranzo che la cena.

• Consumare poco sale e preferire sale iodato. Per gli ipertesi può essere utile consumare sale iposodico o asodico.

• Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti. Mantenere la catena del freddo per gli alimenti che lo richiedono. Ricordare che cibi conservati a lungo in frigorifero rischiano un peggioramento nutrizionale e una contaminazione da microrganismi.

• Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno. Moderare, invece, il consumo di bevande con zuccheri aggiunti. Limitare anche il consumo di alcol.

 

Comments are closed.