UNIRE PER NON FERMARSI ALL’ACCOGLIENZA

By Marta Rossi
Pubblicato il 1 Gennaio 2020

L’obiettivo è far sì che tutte le persone rifugiate, donne e uomini, con diversi profili, differenti paesi d’origine, esperienze e competenze siano soggetti attivi nella società italiana Syed, Ozlem, Yagoub: sono tre giovani rifugiati che vivono e studiano nel nostro paese e che, insieme con altri 50 rifugiati in dieci regioni italiane, hanno formato Unire, l’Unione nazionale italiana per rifugiati ed esuli), la prima rete in Italia formata e gestita interamente da rifugiati. Ad aprile si è costituita come associazione di promozione sociale e a fine ottobre si è presentata alla stampa. “Unire – scrivono – nasce da un gruppo […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.