UNA BONTÀ DI FIOR…MAGGIO

By Gloria Danesi
Pubblicato il 5 Novembre 2020

IL CACIO FIORE AQUILANO BENEFICIA DEI FIORI DI CARLINA PER LA CAGLIATURA E DELLO ZAFFERANO PER IL TOCCO INCONFONDIBILE DI COLORE E SAPORE. FINITO NELL’OBLIO PER DIVERSI DECENNI, OGGI VIENE RIPROPOSTO CON SUCCESSO A CASTEL DEL MONTE, ALLE FALDE DEL GRAN SASSO Una specialità che nasce dall’incontro del mondo animale con quello ve-getale, anche se quest’ultimo risulta il più generoso perché offre la ricchezza dei pascoli montani, che poi si declina in un latte di pecora di prima qualità grazie all’importante apporto della lavorazione dei fiori di piante d’altura. Il cacio fiore aquilano beneficia, infatti, dei fiori di carlina (infusione) […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.