UN PENNELLO CONTRO LA MAFIA

La testimonianza artistica e civile di Gaetano Porcasi
By Gino Consorti
Pubblicato il 28 Ottobre 2020

L’hanno definito il pittore antimafia ma lui rifiuta questa etichetta: “Non c’è bisogno di mettersi in tasca una patente, ognuno deve cercare la giustizia in tutte le situazioni della vita”. Nell’abitazione di Corleone del boss Provenzano, oggi Casa della legalità, ha esposto oltre 60 opere L’hanno definito il pittore antimafia, ma lui non si entusiasma. Anzi: “Non mi piace perché nel corso del tempo questa parola ha assunto le sembianze di una sorta di teatrino… L’antimafia è una cosa seria, tanti invece si sono nascosti dietro questa parola pur avendo scopi e interessi completamente diversi… Inoltre parlare di antimafia non […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.