QUEL DOLCISSIMO NATALE ABRUZZESE

By Gloria Danesi
Pubblicato il 2 Dicembre 2019

Tu scendi dalle stelle o Re del cielo e vieni in una grotta al freddo e al gelo…». In Abruzzo terra di pastorizia e di basse temperature è particolarmente facile riproporre le atmosfere della notte magica di Betlemme. Sono presenti tutti gli elementi dell’immaginario natalizio: grotte, mangiatoie, neve e pastori. Quest’ultimi, pur diminuiti drasticamente nel tempo, sono compiaciuti, come duemila fa, non solo per essere stati scelti a dare il primo annuncio dell’Incarnazione, ma soprattutto perché lo stesso Cristo è “Agnello sacrificale” e al contempo “Pastore buono” del gregge umano. Sarà pure una rivendicazione di “categoria” ma qui la “Festa […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.