PIPPO MIO, NON TI CREDER…

By carmine arice
Pubblicato il 11 Settembre 2020

Quanto più siamo amici di Dio, tanto più sappiamo amare “con cuore di carne” coloro ai quali vogliamo bene, purificati da ciò che potrebbe deviare un sentimento così nobile come la vera amicizia. Cari lettori, è commovente leggere l’intera lettera che il professo confratel Gabriele dell’Addolorata, studente di filosofia, scrive dal convento di Pievetorina il 13 maggio 1859 al suo più fedele e sincero amico, Filippo Giovannetti, studente di legge all’università di Camerino. Confidenzialmente la lettera inizia con un grazioso appellativo, “Pippo mio – e prosegue rassicurando l’amico – non ti creder già che il mio amore per te sia […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.