NON NACQUE SANTO

By Nandino Di Eugenio
Pubblicato il 31 Marzo 2021

Non poche volte papà Sante è costretto a fare la faccia severa e a rendere burbero il tono della voce per calmare il capriccioso Checchino (così chiamavano Gabriele prima che entrasse in convento); ma il bambino già gli si è buttato al collo e lo copre di baci per strappargli il perdono. “Fatti, ragazzo mio, fatti e non parole”, continua a ripetere Sante che intanto si sforza di nascondere la commozione e le lacrime trattenute a stento davanti agli affettuosi gesti del bambino e alle sue promesse di essere più buono e meno capriccioso. Niente di male che Checchino sia […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.