MORTE COME PIENEZZA

By Gabriele Cingolani
Pubblicato il 17 Gennaio 2022

Ogni evangelista descrive a suo modo la morte di Gesù in croce, per accentuare l’aspetto che ritiene più interessante. Ci resta da vedere in che modo la presenta l’evangelista Giovanni. Gesù muore in atteggiamento regale, pronunciando tre parole brevi, stringate, cariche del contenuto divino-umano del piano salvifico. Fanno parte dello stesso messaggio, sintetico e concatenato: dopo aver proclamato il coinvolgimento della Madre nella salvezza del mondo, prosegue scandendo, laconico: Ho sete. Poi: È compiuto. Quindi: Consegnò lo spirito. Il tutto collegato con un fraseggio che allude a contenuti più reconditi di come suona: Dopo questo – cioè la parola alla […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.