DOMENICO STROMEI

di Umberto Braccili
Pubblicato il 5 giugno 2018 20:07

Poeta dialettale (Tocco da Casauria 1810-1883). È stato un singolare personaggio del Risorgimento. Il padre lo portò a Roma, dove di giorno faceva il calzolaio e la notte frequentava un teatrino posto in piazza Navona dove, come vezzo, aveva di recitare a mente l’opera del Metastasio. Imparò a leggere e scrivere all’età di 17 anni quando tornò a Tocco da Casauria. Poi la sua grande passione. Cominciò a comporre versi. La leggenda narra che li scrivesse sulle suole delle scarpe segno questo di una certa invidia da parte della gente “per bene” nel vedere un umile calzolaio imporsi nel mondo […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Non sono permessi più commenti