Calciatori, padri, figli e parenti vari

By Fabrizio Cerri
Pubblicato il 26 Aprile 2019

Mi manda papà, si diceva una volta. Quella frase valeva, in certe situazioni e in certi ambienti, senza naturalmente scomodare né il nepotismo, né le discendenze regali, come e più di una lettera credenziale. E sembra avere ancora un suo peso, ancorché le “raccomandazioni” nello sport abbiano il fiato corto, cortissimo, non potendosi improvvisare atleti, non diciamo campioni, persone magari inadeguate nel fisico, nella mentalità, nella predisposizione complessiva. Non basta insomma essere “figlio di” per assurgere al ruolo di eccellenza nel mondo dello sport, segnatamente nel calcio. Che tuttavia, grazie alla sbrilluccicante vetrina propinataci dai media, soprattutto da quelli televisivi, […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.