DOLCEZZA, PACE E GIOIA

By carmine arice
Pubblicato il 1 Gennaio 2020

Cari lettori, scrive il novizio Gabriele dell’Addolorata a un suo cugino il primo novembre 1856: “La mia vita passionista è una vita dolce, una vita di pace, una vita di contenti. Oh che dolce cosa servire Dio!”. Siamo agli inizi del suo cammino di religioso e possiamo pensare che l’entusiasmo giovanile abbia la meglio su una vita austera e non avara di penitenza, come era quella passionista nel 1856; eppure se leggiamo le lettere degli ultimi periodi della sua breve esistenza terrena, troviamo la conferma che egli davvero aveva trovato nella sequela di Cristo tutto quello che il suo cuore […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.