COME AMMOLLARE BACCALÀ E STOCCAFISSO

By Marina Tosi
Pubblicato il 14 Marzo 2021

Essendo conservato sotto sale occorre dissalarlo eliminando il sale in superficie ed immergendo i filetti in acqua fresca per 24/48 ore, variabili a seconda delle dimensioni. Cambiare l’acqua ogni 6 ore circa. Alla fine dell’ammollo sarà ben ammorbidito e pronto per essere cucinato. Un’alternativa è lasciarlo sotto un filo di acqua corrente, pratica questa non propriamente ecologica, ma tipica delle nonne. Suggerimenti L’ideale è utilizzare come contenitore per l’ammollo una “vaschetta” piuttosto capiente e che possa quindi contenere parecchia acqua, altrimenti potreste ottenere un baccalà ancora molto salato. Potrebbe andare bene anche un catino come quelli che si usano per […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Comments are closed.