DIO COSÌ VUOLE, COSÌ VOGLIO ANCHE IO

di Dario Di Giosia
Pubblicato il 11 gennaio 2018 15:35

L’ultima lettera di san Gabriele ha un sapore struggente. La scrive due mesi prima di morire, ormai con la certezza che la sua malattia non ha rimedio. Scrive al fratello Michele. “Addio, fratello mio, non mi disprezzare; pratica ciò che ti ho detto, si tratta di eterna felicità o infelicità, ogni sacrificio e premura è poco. Gesù e Maria ti diano insieme a tutti di casa un felicissimo anno e ciò ve lo auguro anche da parte del mio Padre Lettore tanto premuroso per me. Salutami papà e tutti di casa. Raccomandami alla Madonna SS.ma onde mi salvi, altro non […]


Puoi leggere tutto l'articolo sull'edizione cartacea dell'ECO di San Gabriele

Non sono permessi più commenti